Lun25032019

Agg.:11:56:54

da Legno Storto:

Benvenuto in Medinapoli News !!!

Calcio

Dr. Jekyll e Mr. Hyde

  • PDF

Giocando la partita perfetta, la Juventus ribalta l’Atlético Madrid e torna di prepotenza nel novero delle favorite per la vittoria della Champions League.

Diceva Agatha Christie: “Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova”. E, nell’intricato caso della Vecchia Signora, gli indizi erano proprio tre: il primo, scatenante, ha una data, un orario e un luogo precisi: 20 febbraio 2019, ore 23, stadio Wanda Metropolitano di Madrid, dove l’Atlético ha appena sconfitto con un netto 2-0 la Juventus; il secondo, probabilmente causato dal primo, è di tipo tecnologico e consiste nella chiusura dei propri profili social da parte di Massimiliano Allegri, da sempre molto attivo sui mezzi di comunicazione, ma, a detta di tanti, stanco dei continui insulti ricevuti; il terzo riguarda le dichiarazioni rilasciate nella conferenza stampa successiva alla gara di campionato con l’Udinese, ultimo match prima del ritorno con i Colchoneros, dallo stesso allenatore livornese: “Il rapporto con la Juve è intatto, ma le storie prima o poi finiscono. Dopo quattro anni al Milan è finita, sono qui da cinque. Spero di continuare, ma vedremo”.

C'era una volta in Italia

  • PDF

Con gli ottavi di finale l’Europa League entra nella sua fase più calda. Inter e Napoli sognano di arrivare a Baku e di riportare in Italia una coppa che manca dal 1999.

12 maggio 1999: il Parma travolge l’Olympique Marsiglia e vince per la seconda volta nella sua storia la Coppa UEFA, chiudendo al meglio il decennio di dominio delle rappresentanti italiane nella competizione. Da quel successo, nessun club del Bel Paese è stato in grado non solo di vincere la manifestazione, ma anche di giungere all’ultimo atto. 20 anni di astinenza dunque, un’eternità nel mondo del calcio.

Una Coppa a sorpresa

  • PDF

Lazio-Milan e Fiorentina-Atalanta sono le semifinali di Coppa Italia. Chi scriverà il proprio nome nell’albo d’oro dopo il dominio della Juventus?

Premessa: non siamo ai livelli dei “giant killings” che da sempre caratterizzano la storia della FA Cup, quindi dimentichiamoci che la formula attuale della Coppa Italia permetta a squadre dello stesso rango di Millwall e Swansea, militanti nella seconda serie inglese e pronte a disputare i quarti della competizione più antica al mondo, di poter sognare di arrivare a Roma per giocarsi la finale della coppa nazionale. Detto questo, è però innegabile che i quarti di finale dell’attuale edizione della Coppa Italia abbiano riservato grosse sorprese.

Camino hacia Madrid

  • PDF

Roma-Porto e Manchester United-PSG danno il via agli ottavi di finale della Champions League. Il 1° giugno l’ultimo atto al Wanda Metropolitano di Madrid.

“Lo spettacolo deve ancora cominciare” cantavano i Litfiba un quarto di secolo fa. Il ritornello del gruppo di Piero Pelù ben si addice alla Champions League, che alza il sipario sulla fase a eliminazione diretta, la più calda ed emozionante. Sedici squadre rimaste, otto sfide, alcune dal pronostico apparentemente chiuso, altre, invece, dall’esito difficilmente decifrabile.

Il Giro d'Italia in 143 gol

  • PDF

Con la doppietta all’Udinese Fabio Quagliarella è andato a segno per l’undicesima partita consecutiva, eguagliando il record che Gabriel Omar Batistuta aveva stabilito nel 1994.

“Sei come il buon vino. Più invecchi, più migliori”. Chissà quante volte, in queste settimane, Fabio Quagliarella, 36 anni appena compiuti, si è sentito ripetere questo detto, di gran lunga il più adatto per descrivere l’evoluzione vissuta dall’attaccante della Sampdoria.

Era mio padre

  • PDF

Dopo il flop al Milan, Gonzalo Higuaín riparte dal Chelsea e da Maurizio Sarri, l’allenatore con cui ha avuto il rapporto migliore nella sua contraddittoria carriera.

Certi amori non finiscono, fanno giri immensi e poi ritornano: questa frase di “Amici mai” di Antonello Venditti, a lungo un cavallo di battaglia dello storico ex amministratore delegato del Milan Adriano Galliani, rispecchia alla perfezione il ricongiungimento tra Gonzalo Higuaín e Maurizio Sarri.

Nel mezzo del cammin di nostra vita

  • PDF

La Serie A è giunta al giro di boa consegnandoci una Juventus sempre più dominante e una concorrenza tenuta viva dal solo Napoli. Il VAR è l’altro grande protagonista delle prime 19 giornate di campionato.

La Serie A va in vacanza. Dopo quattro mesi e mezzo vissuti tutti d’un fiato, con l’apice dell’abbuffata natalizia, il massimo campionato italiano si ferma per tre settimane, dando appuntamento al 19 gennaio, quando Roma-Torino darà inizio al girone di ritorno.

The Special End

  • PDF

José Mourinho è stato esonerato dal Manchester United, chiudendo nel peggiore dei modi trenta mesi difficili e contraddittori alla guida dei Red Devils.

“José Mourinho leaves United”: così si apre il comunicato ufficiale con cui il Manchester United ha dato notizia della separazione, formalmente consensuale, consumatasi con Mourinho. La realtà, invece, è che si è trattato di un esonero, da tempo nell’aria e maturato dopo l’ennesima sconfitta stagionale, il 3-1 subito ad Anfield dal Liverpool del rivale Jürgen Klopp, che ha fatto precipitare i Red Devils a 11 punti dalla zona Champions quando non ancora si è giunti al giro di boa.

Pasticcio all'italiana

  • PDF

Un pareggio, cinque sconfitte e tre eliminazioni: l’ultima giornata delle coppe europee riapre preoccupanti scenari sullo stato di salute del calcio italiano.

Dalle stelle alle stalle. Da un possibile en plein a un vero e proprio incubo. Niente quattro su quattro in Champions League, evento che manca ormai da sedici anni, e niente sei su sei complessivo nelle due competizioni: l’inaspettata eliminazione del Milan va ad aggiungersi a quella dell’Atalanta maturata in estate e impedisce di poter essere almeno in Europa League la nazione più rappresentata, poiché la solita Spagna arriva a schierare quattro club.

Un nuovo Pallone d'Oro

  • PDF

Luka Modrić è il vincitore del Pallone d’Oro 2018, interrompendo il duopolio Cristiano Ronaldo-Messi che durava da dieci anni.

La fine di un’era: dopo dieci anni di dominio ininterrotto e incontrastato, Cristiano Ronaldo e Leo Messi abdicano a favore di Luka Modrić, primo croato a conquistare il Pallone d’Oro. Un risultato atteso da molti e, di fatto, annunciato dai tanti premi vinti nel corso dell’anno: miglior giocatore del Mondiale, miglior giocatore FIFA, miglior giocatore UEFA e miglior costruttore di gioco IFFHS.

L'annus horribilis di Ventura

  • PDF

Le strade di Gian Piero Ventura e del Chievo si separano dopo appena un mese e a distanza di un anno esatto dalla mancata qualificazione ai Mondiali.

Abolire il 13 novembre dal calendario. Ѐ probabilmente questo il pensiero ricorrente nella testa di Gian Piero Ventura. Un anno fa lo 0-0 casalingo con la Svezia, che condannò l’Italia a non partecipare alla fase finale dei Mondiali. 365 giorni dopo, invece, la risoluzione consensuale del contratto con il Chievo, che ha posto fine a un’avventura durata solo quattro giornate.

La final más linda de la historia

  • PDF

Il Superclásico Boca Juniors-River Plate assegnerà la 59ª edizione della Coppa Libertadores, che per l’ultima volta prevede la disputa della finale con gare di andata e ritorno.

L’Argentina, il Sudamerica, il mondo intero: tutti sono in trepidante attesa per le due sfide più sentite dell’universo calcistico. Boca-River, River-Boca. Il 10 novembre alla Bombonera il match d’andata, il 24 al Monumental i 90 (o forse più) minuti che decreteranno la vincitrice dell’ultima Libertadores con la doppia finale, in cui, tra l’altro, non avrà valore la regola dei gol in trasferta. Dal 2019, infatti, la massima competizione sudamericana si adeguerà all’omologa Champions League e vivrà l’ultimo atto in gara unica e campo neutro.

La panca che scotta

  • PDF

Julen Lopetegui è stato esonerato da Florentino Pérez dopo il rovescio subito nel Clasico. La panchina dei Blancos affidata momentaneamente a Santiago Solari dopo l’inaspettato rifiuto di Antonio Conte.

Nel 1958 usciva nei cinema La gatta sul tetto che scotta. 60 anni dopo il capolavoro di Richard Brooks, vincitore di sei Premi Oscar, a sostituirsi metaforicamente alla gatta Elizabeth Taylor e al tetto sono rispettivamente gli allenatori e la panchina del Real Madrid.
Non che la cosa rappresenti una novità, dato che da sempre chi guida le Merengues è al centro del mirino della critica, del presidente e dell’esigentissima tifoseria madrilena.

La differenza tra me e te

  • PDF

I difficili inizi di stagione delle neopromosse Empoli e Frosinone mettono in luce ancora una volta l’enorme divario che separa Serie A e Serie B. Un solco divenuto sempre più ampio nell’ultimo decennio e, in particolare, dal 2010, anno della scissione tra le due leghe.

Parma 13, Empoli 5, Frosinone 1. 19 punti totali in 24 giornate complessive (otto gare per squadra) per una media di 0,79. Statistiche e numeri che certificano le grosse difficoltà che le neopromosse stanno incontrando in questo primo scorcio di stagione. Eccezion fatta per il Parma, balzato nella parte sinistra della classifica grazie alle quattro vittorie nelle ultime cinque giornate, Empoli e Frosinone si trovano relegate rispettivamente in terzultima e penultima posizione e oggi sarebbero condannate all’immediato ritorno in Serie B.

L'ultimo Cavaliere

  • PDF

Silvio Berlusconi torna nel mondo del calcio acquistando il Monza. Adriano Galliani sarà l’amministratore delegato dei brianzoli.

17 mesi: dal 13 aprile 2017 al 28 settembre 2018. Tanto è durata la lontananza di Silvio Berlusconi dal mondo del calcio. Dalla cessione del Milan a Li Yonghong all’acquisto da parte della Fininvest della totalità delle quote societarie del Monza. I primi passi sono stati la conferma di Nicola Colombo (figlio di Felice, alla guida del Milan dal 1977 al 1980) come presidente e, soprattutto, la nomina dello storico amico Adriano Galliani come AD del club, riformando, di fatto, il binomio che ha scritto pagine importanti nella storia del Milan e dell’intero movimento calcistico, grazie ai 29 trofei conquistati nei 31 anni di presidenza rossonera.

L'InterRail del calcio

  • PDF

Al via la 48ª edizione (la 10ª con la formula attuale) dell’Europa League, che si conferma la competizione più eterogenea del Vecchio Continente: ben 27 le nazioni rappresentate nel 2018/2019.

Madrid? Londra? Parigi? Monaco di Baviera? Niente di tutto questo. I nomi e le mete dell’Europa League 2018/2019 si chiamano Dudelange, Sarpsborg, Akhisar, solo per citare tre città che vivranno per la prima volta l’emozione della fase finale di una competizione continentale. La continua scoperta di squadre e cittadine fuori dai radar dei principali campionati europei rappresenta il vero fascino della vecchia Coppa UEFA, caratterizzata quest’anno da un ulteriore ricambio in seguito alla riforma della Champions League, sempre più simile a un vero e proprio campionato europeo.

L'utilità della Nations League

  • PDF

Al via la nuova competizione voluta dalla UEFA, che ha l’obiettivo di sostituire gran parte delle amichevoli con partite ufficiali.

L’attesa è finita. Dopo quasi quattro anni dalla sua definitiva approvazione, la Nations League vedrà finalmente la luce, alzando il sipario sulla sua prima edizione. Fortemente voluta dal Comitato Esecutivo UEFA per ridurre drasticamente il numero di amichevoli in calendario, la Nations League include tutte le 55 Nazionali affiliate alla confederazione europea, che sono divise in quattro leghe in base al ranking FIFA al termine delle qualificazioni al Mondiale 2018.

La Champions più "nobile"

  • PDF

Il sorteggio dei gironi a Montecarlo alzerà il sipario sulla 64ª edizione della nuova Champions League, sempre più ricca e sempre più competitiva dopo la riforma UEFA del 2016.

Venghino signori, venghino! La Champions League è da sempre la casa dello spettacolo e delle stelle più luminose del panorama calcistico europeo, ma da quest’anno lo sarà ancora di più. Merito della riforma approvata il 9 dicembre 2016 dalla UEFA, grazie alla quale le prime quattro federazioni del ranking UEFA hanno diritto a quattro squadre nella fase a gironi, senza più dover passare dai complicati play off.

Guida al campionato

  • PDF

Chievo-Juventus dà il via alla 117ª edizione della Serie A e all’avventura italiana di Cristiano Ronaldo. Tutti a caccia dei bianconeri, favoriti e alla ricerca dello storico ottavo scudetto consecutivo, record assoluto nei maggiori campionati europei.

Finalmente si parte! Dopo un’estate caratterizzata da un Mondiale vissuto da spettatori e dalle tribolazioni dei ricorsi e controricorsi che hanno interessato anche la massima serie, l’Italia pallonara alza il sipario sul suo torneo più importante, nella speranza che il calcio giocato ritorni definitivamente al centro dell’attenzione.
Il campionato inizierà con le squadre e le rose definite e questa è già una grossa novità rispetto al passato, dal momento che il calciomercato si è chiuso il 17 agosto e non il 31 come sempre accaduto. Ciò significa che non si potrà porre rimedio almeno fino a gennaio a eventuali lacune evidenziate dalle prime giornate e che sarà fondamentale farsi trovare subito pronti.

Un'estate italiana

  • PDF

Fallimenti, ripescaggi, illeciti, penalizzazioni, ricorsi, seconde squadre, format: il solito pasticcio made in Italy caratterizza anche l’estate 2018.

“Ti racconteremo una storia italiana” cantano J-Ax e Fedez nel loro ultimo tormentone. Purtroppo, però, non sono racconti di notti magiche, come facevano Edoardo Bennato e Gianna Nannini in occasione del Mondiale disputato nel “Bel Paese” nel 1990. Si tratta, invece, del solito casino che contraddistingue le settimane più calde dell’anno in Italia, quando il calcio giocato nei nove mesi precedenti viene spesso ribaltato nelle aule dei tribunali o dai curatori fallimentari. I motivi? I soliti, ma, come da consuetudine nostrana, non si riesce mai a imparare dagli errori del passato ed ecco spiegato perché assistiamo a quell’eterno ritorno dell’uguale di cui parlava Friedrich Nietzsche.
I percorsi che hanno portato al disastro di quest’anno sono talmente numerosi e tortuosi da far sembrare facile la tappa sul Monte Zoncolan del Giro d’Italia.

Sogno di una notte di mezza estate

  • PDF

Cristiano Ronaldo alla Juventus: la stella più brillante illumina la Serie A.

“Il colpo del secolo”. Dagli ultimi giorni di giugno, quando sono uscite le prime indiscrezioni, è stata questa la definizione più utilizzata per descrivere l’incredibile trattativa che ha portato CR7 alla Juventus. Mai, probabilmente, nella storia del calcio italiano c’era stato un trasferimento di tale portata.
L’ultimo arrivo di un Pallone d’Oro in Italia risaliva a dieci anni fa. Estate 2008: il Milan acquista Ronaldinho dal Barcellona presentandolo direttamente a San Siro, ma il fuoriclasse brasiliano, Pallone d’Oro 2005, è ormai in fase calante e, non a caso, la sua cessione fu autorizzata da Pep Guardiola per lanciare definitivamente Leo Messi.
Gli acquisti più vicini a quello del fuoriclasse portoghese risalgono agli anni d’oro della Serie A.

mediformazione

Giornalista AAA
Diventare Giornalista...

Ambiente pulito

Mela verde
La differenziata come frutto...

Editoria Digitale

JA Teline IV
per diventare Editori FaidaTE...

Moda & Stile

Moda Modella
Quando la moda non è immagine...